LA CURIOSITĀ

Gli Europei di bob su strada si trasformano in una competizione per soli italiani

 

Un campionato europeo uguale a un campionato italiano. La manifestazione che doveva assegnare i titoli continentali di bob su pista naturale si č svolta sulle strade auronzane della Val Marzon senza la partecipazione di concorrenti stranieri. Difatti alla vigilia gli austriaci, unici rappresentanti non italiani che rimangono aggrappati a questa specialitā in via d'estinzione, hanno dato forfait. E ora anche la Coppa Europa rischia di saltare, considerato che la mancanza di neve rende impraticabile la pista naturale di Obsteig in Austria.

La partecipazione all'Europeo č rimasta quindi circoscritta a dieci equipaggi del bob a due e a cinque di bob a quattro sull'unico percorso che č stato possibile preparare in tutto l'arco alpino grazie agli sforzi da parte del locale bob club, del Comune e del volontariato.

Nel bob a due meglio di tutti ha fatto il team di Davide Zandegiacomo e di Riccardo Monti, reduci dalla conquista del titolo italiano sulla stessa pista cadorina. Gli auronzani hanno fatto registrare nella prima discesa il miglior tempo assoluto della gara con uno strepitoso 2'08"65 e con un crono complessivo di 4'25"64. Alle spalle degli auronzani sono finiti altri cadorini, il duo Diego e Alessandro De Michiel di Lorenzago che ha ottenuto un tempo totale di 4'26"13. La terza piazza č andata al duo vicentino Filippo Lora e Alessandro Fornasa con il tempo finale di 4'26"51.

Nel quattro lo stesso team palladiano assieme a Mandi e Montagner si č preso la rivincita con una gara regolare e con un tempo complessivo di 4'32"82. Auronzano č stato l'argento con il bob condotto da Felice Zandegiacomo, con interni Davide Zandegiacomo, Riccardo Monti e break Massimo Gagliardi (il loro tempo č stato 4'37"63). Il bronzo č stato assegnato ai lorenzaghesi di Dario De Michiel con Da Rin, Da Pozzo e Alessandro De Michiel con il tempo totale di 4'39"12.

Gianfranco Giuseppini